Ir al contenido principal

Entradas

Destacado

Lettera a un filo-madurista che non sa quello che dice

Appoggiare Maduro con la scusa di scongiurare un intervento militare, sostenendo che nessuno ha il diritto di mettere becco nella politica interna di un paese, equivale né più né meno a girarsi omertosamente dall'altra parte mentre, in un edificio adiacente al vostro, un uomo sta uccidendo a bastonate una donna (giusto per fare un esempio femminista). "Non è affar mio" potete pensare, forse perché la maggior parte di quelli che si sono riscoperti luminari di politica estera sudamericana non hanno mai oltrepassato l'oceano Atlantico e da quell'edificio ci sono a dovuta distanza. Succede poi che quell'edificio esplode perché, giusto per mantenersi coerenti con l'esempio di cui sopra, l'uomo dopo aver ucciso la donna si suicida attaccandosi alla canna del gas e provocando una detonazione.  Siamo tutti abituati a pensare di essere padroni a casa nostra e questo è legittimo, ma l'ingerenza esterna ha senso nel momento in cui a casa nostra commettiamo u…

Últimas entradas

Ecco perché l'onesto in politica fa più danni del peggiore dei corrotti

Inter-Napoli, il razzismo è come il terrorismo

L'apologia della povertà ci renderà solo più miserabili

Vinicio Marchioni, sentirsi arrivati è il primo passo per non arrivare mai

Pallone D'Oro 2018, quando anche il calcio mostra il fianco al nazionalismo

Fedez e Ferragni, perché in Italia se hai successo sei automaticamente un disonesto

Una giornata da hater

Perché Asia Argento adesso merita comprensione (e perché X-Factor ha sbagliato a silurarla)

Tess Holliday, altro che body shaming, questa è carne da macello